Il tiro ludico  con il quale molti di noi hanno iniziato, un bersaglio in cartoncino, la carabina in appoggio  divertendoci a realizzare rosate strette con tiri di precisione presenta molte analogie con la disciplina denominata Air Bench Rest (BRAC) anche se l’esercizio di quest’ultima, praticato  a livello agonistico, è veramente tutt’altra cosa.
Non tutti sanno che annoveriamo in questo sport  il vincitore del primo “Campionato Mondiale” di Air bench Rest  tenutosi a Milano nel 2008, un campione tutto made in Italy.
Il suo nome è Ivano Vernarelli (in arte "er peggio"), ed è tra i realizzatori e fondatori del forum Customairguns, uno dei pochissimi spazi nel web (oltre ovviamente al nostro) che dedica una specifica area a questa disciplina che si sta affermando in modo sempre più concreto in campo nazionale.
Il punto di riferimento per il BRAC in Europa è costituito dall’ERABSF (European Rimfire and Air rifle Bench Rest Shooting Federation) , Una federazione ideata e fondata, su iniziativa degli inglesi,con il determinante contributo di due pietre miliari del tiro italiano, Carlo Caricato e Filippo Fantoni.
Riassumendo in breve le regole ERABSF  per il BRAC possiamo dire che prevedono l’impiego in competizione di carabine  (PCP-PCA- Springer) suddivise in tre differenti categorie suddivise per tipologia d’arma, potenza ed ingrandimenti ottici.

    • International Sporter : carabina standard - 7,5 joules - ottica ad ingrandimento fisso (6,5x);
    • Unlimited A: carabina standard o match - 7,5 joules - ottica ad ingrandimento libero;
    • Unlimited B: carabina standard o match - 16 joules - ottica ad ingrandimento libero.

Gli atleti tirano da seduti e dispongono di un tavolo da tiro oltre all’ausilio di particolari dispositivi di appoggio anteriori e posteriori (rest) per le propria carabine.
I bersagli sono posti a 25 mt. di distanza e sono composti da 25 barilotti il cui centro misura 2 mm.
Il tempo a disposizione dell’atleta per completare l’intero bersaglio è pari a 30 minuti.
Nel quadro delle differenti attività di tiro dell’ASD, il BRAC ha assunto quasi subito un ruolo di rilevante importanza.  E’ stata, infatti,  avviata presso la nostra sede la prima sessione del torneo nazionale  “Postal Match” sotto la supervisione del Club “Spazzavento”, gestito da Filippo Fantoni, che vede impegnate in campo nazionale molte associazioni di tiro.
Questo particolare torneo, contemplato dall’ERABSF, permette ai partecipanti  di confrontarsi …“a distanza” sia all’interno del proprio territorio (campionato nazionale), sia tra differenti  nazioni . Gli atleti possono tirare presso i propri Club producendo un bersaglio mensile (scelto tra due) per un periodo di sei mesi. Il risultato del bersaglio migliore viene comunicato via e-mail all’ente organizzatore che predispone una graduatoria provvisoria sino al completamento del torneo.  La graduatoria individua i migliori classificati che vengono successivamente chiamati ad uno scontro testa a testa in una finale, prevista quest’anno presso il Club di tiro di Lugnano.
Seppure con tutte le difficoltà determinate  da una disciplina completamente nuova, molti atleti della nostra ASD vanno sempre più migliorando le proprie prestazioni, facendo intravedere prospettive di un futuro buon piazzamento a livello nazionale.
I migliori auspici di buon proseguimento a tutti gli atleti dell’ASD Lupi Airguns Roma in questa bellissima seppure difficoltosa strada, che per ora si presenta ancora in salita, che è rappresentata dal B.R..

 

 

Login

ASD Lupi Airguns Roma - Via San Vittorino Km o,650 - C.F. 93021800581

Free business joomla templates